giovedì, agosto 30, 2007

nel bagagliaio

un lettone e' stato arrestato nella tratta barcellona-palma
per viaggiare in traghetto con i due figli ed il nonno nascosti nel portabagagli della macchina.

mercoledì, agosto 29, 2007

ci salveranno i pensionati

sono svelti, girano, si informano, osservano e si preoccupano del mondo che li circonda: sono i pensionati. l'utlima: un attentato dell'organizazzione terrorista separatista basca ETA, e' stato sventato, non dalla polizia o dai servizi segreti, ma udite bene, da un pensionato!

erano le nove di sera, e mentre si aggirava per la campagna di Castellón (Valencia) cercando un posto per vedere le stelle (!!). Ha intravisto un veicolo sospetto (non era del suo villaggio) e dopo essersi appartato ha subito chiamato la guardia civil (carabinieri locali). il 4x4 (che ora in italia chiamano SUV) era pieno di esplosivo

in Spagna e' gia la seconda volta che nel giro di pochi mesi un pensionato aiuta a combattere la criminalitá. eh si! a parte i problemi di pensione, contributi e roba varia in cui c'e' di mezzo anche lo zapino dello stato (italiano) che gestisce male il tutto, i pensonati possono essere la nostra salvezza. a modo loro restituiscono parte di quel controllo sociale che la nostra societá ha perso. controllo sociale che dava meno libertá (tutti erano osservati) ma che allo stesso tempo garantiva una certá sicurezza (tutti sorvegliavano tutti).

libero stato in libera chiesa!

é un grido, uno sfogo, ma é quello che penso quando leggo di alcune cose, che gia' sapevo (leggere pure qui, qui e qui)

martedì, agosto 28, 2007

la bottiglia abbandonata















(Foto tratta da flickr.com)


mi permetto
un piccolo inciso su usi e costumi italici.
scusate, ma ne vale proprio la pena

fuori concorso

la gente non lo sa i trattati europei permettono ad un cittadino comunitario di partecipare ai concorsi pubblici banditi negli altri paesi, salve in alcuni casi (forze dell'ordine, esercito, diplomazia, amministrazioni organi parlamentari) in cui é richiesta la cittadinanza. per cui un'europeo può fare il poliziotto municipale ma non il carabiniere. può fare il segretario comunale ma non il funzionario parlamentare.

questo perché secondo la vecchia logica dello stato-nazione, solo un cittadino del proprio paese puo' essere fedele alla propria amministrazione. solo uno spagnolo può' servire fedelmente l'esercito spagnolo. solo un'italiano puo' servire fedelmente la diplomazia italiana.
questo non appare ridicolo? a parte il fatto che una persona puo' "tradire" benissimo il proprio paese. stiamo vivendo un momento di trasformazione, mentre cerchiamo di uscire dal guscio dello stato nazione ha causato una gran quantità di guerre fratricide.

l'Italia dovrebbe prendere l'iniziativa assieme ad altri stati ed abolire questo ultimo ostacolo.
se un europeo puo' già accedere alla banca d'Italia e da segretario comunale puo' gestire la vita di migliaia di cittadini perche' non potrebbe anche servire fedelmente altri funzioni?

lunedì, agosto 27, 2007

due sconosciuti

ogni anno confronto i programmi dei festival di venezia e di san sebastian (che assieme a berlino, cannes, locarno e venezia completa il circuito dei piu' importanti festival di cinema europei).

gli anni passano ma la sentenza é quasi sempre la stessa: nessun film spagnolo a venezia, niente cinema italiano a san sebastian.

quaest'anno piccola novità: un film spagnolo é apparso al lido!
a san sebastian il cinema italiano assente

italia e spagna, due paesi che si conoscono appena. pure al cinema.

pairigini beoni

ci risiamo. sempre la stessa storia. ex simboli della lotta brigatista vengono scambiati dai francesi per dei romantici guerriglieri cacciati e perseguiti dalla dittatura italiana. eppure barbara spinelli sembrava aerlo spiegato qualche anno fa in un editoriale pubblicato su le monde.

scappati dall'italia, quando oramai non tirava piu' aria per la rivolta, alcuni birgatisti andarono a ripararsi sotto l'ala protettrice di mitterand (la cui dottrina si puo' cosi = "io gli do rifugio, ma li tengo pure buoni"). solo che questi hanno incominciato a raccontare ai parigini una versione della storia d'italia tutta loro. un'italia come il cile dove loro difendevano la democrazia contro i malvagi pinochet italiani.

l'italia non sarà stata un palladino dei dirittti umani, cosi' come non lo é ancora oggi, sta di fatto che quelli amazzavano onesti gioeillieri, macellai e commercianti italiani di provincia vari che con pinochet non c'entravano nulla. solo per essere "schiavi del capitale". altro che eroi romantici.
i parigini se la sono bevuta. anzi, continuano a bersela.

martedì, agosto 21, 2007

Sacré Belge!

Ancora una notizia non proprio fresca...


Che forza sti Belgi! Un mese fa, il 21 luglio, all'occorrenza della Festa Nazionale Belga, al futuro Primo Ministro Belga, il fiammingo Yves Leterme era stato chiesto di spiegare che si festeggiava quel giorno. L'abile politico non indovina al primo tentatitvo (ma non é l'unico).

Non contento il giornalista gli chiede se conosce le parole dell'inno nazionale belga (la Brabançonne). Leterme sempre sorridente gli risponde cantando le parole della Marsigliese (che é l'inno francese)!


Troppo forte per uno che dello sganciamento della parte francofona del paese (Vallonia)ne fa un manifesto.

Questo é umor belga(surrealista!)

Salut les Frenchs!

Arrivo sempre con qualche mese di ritardo...

Il giorno dopo l'elezione di Sarkozy, Tony Blair ha subito messo in linea su Dailymotion (il concorrente di Yuotube) un messaggio di benvenuto in francese. Bella mossa Tony!

venerdì, agosto 17, 2007

Titoli di Coda















Ogni volta che vedo un film su la TV spagnola o italiana ed ho una qualche voglia di vedere i titoli di coda, non so', un attore, una canzone, i luoghi dove e' stato girato, beh devo rassegnarmi, visto che vengono sistematicamente tagliati. Gli unici che non tagliano i titoli di coda in Italia sono quei pazzi di Fuori Orario di Rai3 (e grazie! li trasmettono alle 2h del mattino!).

Devo dare merito ai francesi che invece i titoli di coda li fanno vedere tutti e sempre che sia alle 20h od alle 3h del mattino (provare a dare uno sguardo alla TV francese). Forse dietro ci sará qualche norma, qualche legge, ma cio' che é sicuro é che se c'e una legge, dietro di essa si nasconde l'amore per il cinema. Ed il rispetto per quelli che ci lavorano.